Gli schiacciatori NON parlano dell’alzata, la risolvono


Julio Velasco credo sia sconosciuto a pochi: allenatore di pallavolo, ha vinto tutto quello che un allenatore potrebbe desiderare.

Questo intervento di qualche anno fa è un bellissimo esempio di coaching applicato allo sport. Velasco spiega come lo schiacciatore non si deve aspettare la palla perfetta, perchè con la palla perfetta tutti sono capaci schiacciare. Inoltre, lo scaricare la responsabilità sull’alzatore fa partire una catena di “scaricabarile” che rischia di mandare il tilt la squadra.

La fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità porta a performare al meglio proprio partendo dalle situazioni reali della vita. Lo scopo del coaching è proprio questo ed è il motivo per cui il coaching è nato dall’ambiente sportivo e proprio in esso offre i migliori esempi di efficacia.

Lascia un commento